PNRR

Le missioni

222 miliardi di € articolati in 16 componenti
e raggruppati in 6 Missioni

Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura

Rilanciare la competitività e la produttività del sistema Italia producendo un impatto decisivo sugli investimenti privati e sull'attrattività del Paese

Rivoluzione verde e transizione ecologica

Realizzare la transizione verde, ecologica e inclusiva della società e dell'economia, per rendere sostenibile e competitivo il sistema nel suo complesso

Infrastrutture per una mobilità sostenibile

Rinnovamento del sistema infrastrutturale del Paese, coerentemente con le direttive europee in materia di decarbonizzazione e sviluppo sostenibile

Istruzione e ricerca

Rafforzare le condizioni per lo sviluppo di un'economia ad alta intensità di conoscenza, di competitività e di resilienza, partendo dal superamento delle criticità dei nostri sistemi di istruzione, formazione e ricerca

Inclusione e coesione

Equità sociale, di solidarietà intergenerazionale, di genere, di incremento delle prospettive occupazionali dei giovani, di riequilibrio territoriale

Salute

Migliorare alcuni aspetti critici di natura strutturale che, in prospettiva, potrebbero essere aggravati dalla crescente domanda di servizi sanitari derivante dalle tendenze demografiche, epidemiologiche e sociali in atto

pattern-lines

Digitalizzazione, innovazione,

competitività e cultura

La Missione 1 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) si propone di rilanciare la competitività e la produttività del sistema Italia producendo un impatto decisivo sugli investimenti privati e sull’attrattività del Paese.

L'articolato insieme di interventi previsti è indirizzato in modo particolare
a tre aree principali:

11,15 mld € – Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella PA
30,57 mld € – Digitalizzazione, innovazione e competitività nel sistema produttivo
8,13 mld € – Turismo e Cultura 4.0

49,86 miliardi di €

40,96 mld €, pari al 21,04% del PNRR
+ 8,74 mld € del Piano Complementare
+ 0,80 mld € dal React-EU

Componente 1

Digitalizzazione, innovazione
e sicurezza nella PA

Con uno stanziamento di quasi 10 miliardi, la Componente 1 della Missione riguarda la trasformazione profonda della Pubblica Amministrazione attraverso una strategia incentrata sulla digitalizzazione.

Il traguardo da raggiungere è la "PA digitale" - più efficiente, più accessibile e prima alleata di cittadini e imprese - meta che ci si propone di raggiungere intervenendo sulle dotazioni tecnologiche, sul capitale umano e infrastrutturale, sulla sua organizzazione, sui suoi procedimenti e sulle modalità di erogazione dei servizi.

Digitalizzare la Pubblica Amministrazione attraverso interventi ad ampio raggio, come la migrazione verso nuove infrastrutture cloud, l'interoperabilità dei dati, l'estensione e il miglioramento dei servizi digitali per i cittadini – identità digitale (SPID e CIE), sistemi di pagamenti (PagoPa), app IO – il rafforzamento della Cybersecurity, accompagnati da incisive riforme strutturali

Abilitare gli interventi di riforma della PA rafforzando le competenze del capitale umano, e la semplificazione/sburocratizzazione dei procedimenti amministrativi (riduzione di tempi e costi)

Sostenere gli interventi di riforma della giustizia attraverso investimenti nella digitalizzazione e nella gestione del carico pregresso di cause civili e penali


Sostenere la transizione digitale, l'innovazione e la competitività del sistema produttivo, incentivando investimenti in tecnologie avanzate, ricerca e innovazione

Dotare tutto il territorio nazionale di connettività ad alte prestazioni, garantire la copertura di tutto il territorio con reti a banda ultra-larga (fibra FTTH, FWA e 5G), portare la connettività a 1 Gbps in rete fissa a famiglie ed edifici scolastici, e assicurare una connettività adeguata al Servizio Sanitario Nazionale

Supportare i processi di internazionalizzazione (posizionamento del Made in Italy) e della competitività delle filiere industriali, con focus specifico su quelle più innovative e strategiche, anche attraverso strumenti finanziari innovativi

Investire in infrastrutture satellitari per il monitoraggio digitale a tutela del territorio e in generale nell'economia dello Spazio e nelle tecnologie emergenti che possono contribuire allo sviluppo di competenze distintive

Componente 2

Digitalizzazione, innovazione
e competitività nel sistema produttivo

Per l’implementazione della Componente 2 è assegnata la quota più ampia di budget, una somma totale superiore a 30 miliardi di euro, se si contano anche le risorse aggiuntive.

Questo programma di investimenti è deputato alla promozione della competitività del sistema produttivo, attraverso il rafforzamento del tasso di digitalizzazione, di innovazione tecnologica e internazionalizzazione.

Speciale attenzione è posta sulle PMI, sulle filiere produttive e sulle competenze tecnologiche.

Il Piano prevede interventi trasversali con incentivi per investimenti in Tecnologie 4.0 e innovazione aziendale, riforma della proprietà industriale, trasformazione e internazionalizzazione delle PMI, reti a banda ultra-larga su tutto il territorio nazionale.


Componente 3

Turismo e Cultura 4.0

Il rilancio dei settori economici della cultura e del turismo è invece l'oggetto della Componente 3.

Da un punto di vista strategico, si tratta di settori che giocano un ruolo distintivo, sia in quanto espressione dell'immagine e "brand" del Paese, sia per il peso che hanno nell'economia nazionale (il solo turismo rappresenta circa il 12% del Pil).

Gli interventi della Componente, che secondo un approccio integrato e partecipativo vedranno la cooperazione tra attori pubblici, privati, cittadini e comunità, si articolano su quattro linee di azione:

  • Patrimonio culturale per la prossima generazione
  • Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale religioso e rurale
  • Industria culturale e creativa 4.0
  • Turismo 4.0

Favorire interventi di valorizzazione di siti storici e culturali, volti a incrementare l'attrattività dei luoghi, non solo dei "grandi attrattori" ma anche dei siti minori (ad esempio i borghi)

Garantire una forte accelerazione della digitalizzazione, per migliorare la fruibilità della cultura e l'accessibilità turistica

Migliorare la sicurezza sismica e la conservazione dei luoghi di culto e assicurare il ricovero delle opere d'arte coinvolte da eventi calamitosi

Favorire interventi per il rinnovo e la riqualificazione delle strutture turistico-ricettive e il potenziamento dei servizi turistici, al fine di migliorare gli standard di offerta

Milano

Via Montenapoleone, 8


Prima di continuare con la navigazione ti chiediamo di prendere visione della nostra Cookie Policy